ITALIARICETTE.it

Tipologia
shim
bevande
antipasti
primi
carne
pesce
pollame
salse
contorni
dessert



Visualizza tutte le
RICETTE a base di:
Cerca ricette

  Trippa All'olio D'oliva            
carne

Per 6 persone
A base di Vitello

Ingredienti:
1000 G - Trippa Mista
50 Cl - Aceto Di Vino
4 Foglie - Alloro
1 Cucchiaino - Timo
1 - Peperoncino
1/2 Bicchiere - Olio D'oliva
1 Bicchiere - Vino Bianco Secco
1 - Cipolla
1 - Carota
1 Gambo - Sedano
Sale
Pepe In Grani
2 Spicchi - Aglio
1 Mazzetto - Prezzemolo

Preparazione:
Lavate con cura la trippa e fatela cuocere in una pentola con acqua bollente per un quarto d'ora. Scolatela e tagliatela a striscioline. Riempite d'acqua una pentola pulita, unite il sale necessario, una carota, una cipolla e un gambo di sedano e portate ad ebollizione, dopodichŔ mettetevi la trippa e fate cuocere per un paio d'ore a calore medio. Trascorso il tempo indicato, scolate la trippa, ponetela in una casseruola, cospargetela con il timo e bagnatela con un bicchiere di vino bianco e con l'aceto e fate bollire dolcemente il tutto per una decina di minuti, mescolando spesso. Lasciate raffreddare la trippa nel suo brodo, poi scolatela e ponetela ad asciugare su un canovaccio. Raccogliete quindi la trippa in una insalatiera, unite alcuni grani di pepe, un peperoncino e quattro foglie d'alloro, infine conditela con l'olio d'oliva. Date una mescolata e lasciate riposare la preparazione per qualche ora al fresco, in modo che si insaporisca. Al momento di servire, cospargete il tutto con un trito finissimo d'aglio e prezzemolo. Se lo desiderate, potete conservare questo insolito piatto freddo: mettete la trippa asciutta in un grosso vaso di vetro insieme agli aromi e alle spezie, pressatela, poi versate tanto olio quanto ne occorre per ricoprire gli ingredienti. Chiudete il vaso e mettetelo nella dispensa, dove la trippa si conserverÓ per un mese: cospargetela con il trito d'aglio e prezzemolo solo al momento di servirla.

 

Copyright ©2005-2015 Mauro Stangalini - Tutti i diritti riservati - Contatti
Parte delle ricette pubblicate sono state gentilmente concesse da Giorgio Musilli - graphic by mn76